I figli secondogeniti sono più ribelli. Ecco perché

Share?Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Oggi nasce il nostro nuovo blog… Un altro? E a che serve? Boh, credo a nulla, ma ormai è nato, cosa facciamo lo sopprimiamo? Partiamo con un articolo che vorrei definire “cazzeggio”…

Chi l’ha detto che i secondogeniti sono i figli più “facili”, perché magari si ha già l’esperienza di chi li ha preceduti? Niente di più falso. I figli minori sono invece quelli più piantagrane, capricciosi e ribelli. Addirittura, potrebbero avere pure qualche problema con la giustizia. E non è un pettegolezzo: lo afferma la scienza, attraverso un’autorevole ricerca scientifica condotta negli Stati Uniti e in Europa. L’indagine, guidata dal prestigiosissimo Mit, ha preso in esame due mondi e due stati davvero diversi, ovvero i secondogeniti residenti in Florida e in Danimarca.

Indagine su due milioni di fratelli

Complessivamente, i ricercatori hanno esaminato oltre due milioni di persone – di entrambi i sessi, con un fratello o una sorella maggiore – nate tra gli anni Ottanta e i primi anni Duemila. Di questo gigantesco campione, gli analisti hanno registrato ogni aspetto: età, la provenienza dei genitori, lo stato sociale, ma soprattutto le sospensioni a scuola e i guai con la giustizia. Nonostante le distanze, i risultati ottenuti in Danimarca e Florida sono stati simili. Il verdetto? I secondogeniti, rispetto ai loro fratelli maggiori, sono più inclini a sviluppare comportamenti ribelli e a mettersi nei guai, a partire dalla scuola. E’ emerso che, in Danimarca come in Florida, i secondi nati hanno maggiori probabilità rispetto ai primogeniti di avere comportamenti problematici: dal 20 al 40%. A incidere sulla probabilità è anche il sesso: se maschio questa aumenta.

La colpa? I secondi ricevono meno attenzioni 

“I secondogeniti tendono ad avere meno attenzioni materne rispetto ai fratelli maggiori. Pertanto, in aggiunta al fatto che i primogeniti godono di un’attenzione esclusiva fino all’arrivo del secondo nato, abbiamo scoperto che l’arrivo di quest’ultimo potenzialmente può estendere l’investimento dei genitori nella prima infanzia del primo” spiegano i ricercatori.

Primogeniti “viziati” da mamma e papà

Non si tratta però di una differenza nell’educazione, ben proprio di una diversa modalità di attenzione rivolta ai figli dai genitori. Con i primogeniti, mamma e papa sarebbero molto più inclini all’incoraggiamento e allo stimolo, così da costruire un futuro che si spera brillante. Con i secondi, i genitori sarebbero più permissivi e meno rigidi, ma – proprio perché c’è già stata un’esperienza con il primi figlio – assumerebbero comportamenti più leggeri e addirittura rischiosi  sia durante la gravidanza sia nei primi anni di vita del bambino. Infine, “I primogeniti hanno modelli di comportamento, che sono gli adulti. I secondi o i figli a venire poi hanno modelli che sono bambini piccoli leggermente irrazionali, i loro fratelli maggiori” precisano gli studiosi.